Primi sequestri per i botti di Capodanno
Giovedì, 21 Dicembre 2017 09:26
Si avvicina il Capodanno e come sempre si intensificano in questo periodo i controlli sui prodotti pirotecnici venduti al pubblico. Tutti gli anni le forze dell'ordine procedono al sequestro di botti e petardi non conformi alle indicazioni europee, a tutela dei consumatori. E il frutto di questo intensificarsi dei controlli ha portato anche quest'anno i suoi frutti: il gestore di un negozio di Bolzano è stato denunciato a piede libero dagli agenti della Polizia Amministrativa della Questura di Bolzano. All’interno dell’esercizio commerciale, e precisamente esposti in vendita al pubblico sugli scaffali, erano esposti una trentina di prodotti pirici privi di marchio CE e conseguentemente non detenibili per la vendita.
Per la legge sui pirotecnici attualmente in vigore, infatti, a partire dal 5 luglio 2017 possono essere detenuti, utilizzati, posti in vendita, trasportati, importati o esportati, solo quei prodotti pirici muniti di marcatura CE che sono stati dichiarati conformi a precisi requisiti di sicurezza fissati in ambito UE. "A tal proposito - raccomanda la Questura - dev'essere fatta particolare attenzione da parte delle famiglie in quanto l’attuale legge consente la vendita di alcuni prodotti pirotecnici anche ai minorenni (dai 14 anni in su)”.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.