Soluzione europea per la questione dei profughi, un sistema locale fondato sull'accoglienza diffusa
Lunedì, 01 Gennaio 2018 16:38
Profughi, migranti, richiedenti asilo: sono senza ombra di dubbio alcune delle parole più utilizzate nel corso degli ultimi anni. Il tema è stato affrontato dal presidente Arno Kompatscher durante l'incontro di fine anno con i media locali, nel corso del quale è stato ribadito che l'Alto Adige continuerà a fare la propria parte all'interno del contesto italiano ed europeo. "La questione dei migranti potrà essere affrontata e gestita in maniera seria solo tramite una soluzione europea - ha detto Kompatscher - che incentivi e coordini al meglio la cooperazione fra i paesi della UE. Sono stati fatti passi in avanti, gli sbarchi e i morti nel Mediterraneo sono calati, ma la situazione resta comunque drammatica". Per quanto riguarda nello specifico la realtà altoatesina, il Landeshauptmann ha spiegato che "il numero dei richiedenti asilo è in leggero calo da quest'estate, e attualmente si attesta attorno a quota 1.650 persone. La strategia è quella di attuare un'accoglienza diffusa su tutto il territorio, con piccoli gruppi di richiedenti asilo più facili da integrare nel tessuto locale. Sono convinto che operando in questo modo la situazione sia assolutamente gestibile e non rappresenti un'emergenza".
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.