Solidarietà e pragmatismo per il campo profughi di Marco
Lunedì, 22 Gennaio 2018 15:51
La fotografia della situazione dei richiedenti asilo ospitati a Marco è descritta in modo molto chiaro: "I container sono mal riscaldati e durante la notte le temperature scendono a livelli bassi, mentre in estate diventano una sorta di forno, privi della possibilità di aerazione se non attraverso la porta di ingresso; le finestre, infatti, sono piccole e in parte ostruite dai letti"."La manifestazione pacifica di protesta che si è svolta a inizio gennaio ha suscitato molte prese di posizione tra i partiti e i cittadini di Rovereto. Molti gli interventi mossi più dalla pancia che dalla volontà di capire. Ma sono state molte anche le prese di posizione che cercano nelle autorità il miglioramento delle condizioni di vivibilità del campo".Non si chiedono lavori particolari, "ma migliorie tanto utili quanto necessarie, che possano tendere a migliorare fattivamente le condizioni di vivibilità. Il sistema dell’accoglienza trentina da sempre virtuoso non può consentire che una delle sue strutture assomigli a un ghetto".
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.