11 febbraio, Giornata mondiale del malato
Venerdì, 09 Febbraio 2018 13:30
Gli ammalati ci restituiscono una fotografia più autentica della vita, perché la malattia mette spesso a nudo l’insignificanza del nostro correre affannoso, costringendo a fermarsi e riprendere il mano il dono del tempo”. Lo sottolinea l’arcivescovo Lauro in occasione della XXVI Giornata Mondiale del Malato che si celebra domenica 11 febbraio. Domani monsignor Tisi  presiederà la s. Messa a Trento nella chiesa di S. Maria Maggiore ad ore 19.00: all’appuntamento diocesano sono invitati ammalati e familiari. Domenica 11 guiderà, invece, la celebrazione eucaristica nella cappella dell’ospedale S. Chiara alle ore 17.00. “Il tempo abitato dalla malattia – argomenta l’Arcivescovo – restituisce la possibilità di rimettere a fuoco volti che nella normalità ci sfilano spesso davanti in sequenze indefinite e sfuggenti. Torniamo a innamorarci di quei volti, ad assaporare la gioia di un sorriso e il calore di una carezza, che si trasmette sì a chi la riceve, ma scalda anche la mano di chi la offre”. Sempre domenica, alle ore 15, don Lauro celebrerà una s. Messa al Punto d’Incontro in memoria del suo fondatore don Dante Clauser, scomparso l’11 febbraio 2013.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.