Rapito per avere 'perso' un chilogrammo di marijuana
Mercoledì, 30 Agosto 2017 12:40
Rapito perché sosteneva di essersi perso un chilogrammo di marijuana che aveva in custodia e rilasciato dopo che il padre ha pagato 7mila euro per liberarlo. Il sequestro lampo a scopo di estorsione riguarda un giovane trentino di 22 anni. Il giovane ne ha informato i carabinieri quando è stato arrestato, nel marzo scorso, a conclusione di un'indagine, denominata 'Caffè espresso', su una banda armata dedita al traffico di stupefacenti. Il rapimento, con tanto di botte ricevute in un campo, in Trentino, risale a settembre del 2016. È allora che i carabinieri della compagnia di Borgo Valsugana avevano iniziato l'indagine 'Ranson', che ha portato ora a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per cinque persone per sequestro di persona a scopo di estorsione: un italiano e quattro albanesi. Emessa dal gip di Trento Marco La Ganga, su richiesta del pm Davide Ognibene. I militari trentini stamani hanno arrestato l'italiano e tre degli albanesi, residenti a Pergine Valsugana.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.