Vaccini, Consiglio provinciale boccia mozione minoranze
Martedì, 12 Settembre 2017 14:45
Con 15 no e 10 sì il Consiglio provinciale di Trento ha respinto stamattina la mozione delle minoranze sullo slittamento dell'obbligo vaccinale. La richiesta era quella di introdurre, sull'esempio di Bolzano, una fase transitoria per l'obbligatorietà dei vaccini per l'iscrizione dei bambini agli asili e alle scuole d'infanzia. "La questione - aveva sostenuto Rodolfo Borga di Civica Trentina, presentando la mozione - è quella dei bimbi non vaccinati e la preoccupazione è di evitare che, dopo qualche mese, siano mandati a casa dai nidi e dalle materne. Non sembra esserci poi un'emergenza, come ha detto da Gentiloni, salvo forse per morbillo ma circoscritta alla Toscana. La posticipazione della sanzione di un anno, che non riguarda l'applicazione della legge che c'è e va rispettata, quindi, sembra logica". Una tesi che non è stata però, come detto, sposata dal Consiglio.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.