Tra il 2011 e il 2016 spesi più di 12 milioni di euro per "rattoppare" il Santa Chiara
Mercoledì, 27 Settembre 2017 09:37
Mentre dopo la sentenza del Consiglio di Stato infiammano le polemiche relative alla costruzione del nuovo ospedale di Trento, il Direttore dell’Azienda Sanitaria Bordon afferma a chiare lettere “serve un ospedale nuovo”; avere una struttura moderna e funzionale è un’esigenza reale e molto sentita da medici e personale sanitario. Ammodernamento indispensabile anche in prospettiva dell’accreditamento Joint Commission International, una sorta di certificato di qualità che per il nosocomio del capoluogo scadrà a fine 2018. La necessità di curare al meglio le persone e di mantenere elevati gli standard delle cure offerte impone comunque un adattamento continuo della vecchia struttura che per il Bilancio della Provincia si traduce in spese straordinarie ingenti ogni anno.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.