Santa Maria del Carmine: il collirio fatto col sangue
Giovedì, 05 Ottobre 2017 15:02
Il Centro trasfusionale di Rovereto si supera, da fine settembre, grazie alla collaborazione con gli specialisti dell’Unità operativa multizonale di oculistica, è disponibile il siero collirio autologo, un preparato che viene usato per curare la secchezza oculare nelle forme importanti e che reagisce poco ad altre terapie. La vera novità sta nella preparazione di questo collirio, viene prodotto con un derivato del sangue dello stesso paziente. Cura le patologie stimolando la riparazione e la rigenerazione di questi difetti all’occhio in modo naturale. Da qualche giorno, sotto indicazione dello specialista oculista, è disponibile questo tipo di cura al Santa Maria del Carmine di Rovereto. Il servizio è, naturalmente, esteso a tutta la provincia.
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.