GIUDICARIE: ATTENZIONE ALLA TRUFFA
Venerdì, 24 Novembre 2017 14:41
A parlarne Carlo Marchiori comandate del corpo di polizia locale delle Giudicarie: “Il primo approccio avviene via telefono per annunciare l’arrivo di un incaricato che deve mostrare un catalogo e assegnare un buono acquisto. Dopo un sacco di chiacchiere, le firme in calce ad un documento. E dopo un mese (quando viene meno la possibilità di recesso) ecco che emerge l’inganno, con le firme apposte il padrone di casa si impegna all’acquisto di merce per un ammontare di 2.500/3.000 euro”
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.